La fotografia per matrimoni ha la capacità di raccontare da una particolare prospettiva, attimi, gesti e sguardi che caratterizzano quel momento e ne narrano le sue peculiarità.

Nonostante questo vi sono diversi aspetti che determinano la trasposizione della realtà che la fotocamera va a catturare e che il fotografo può decidere di cambiare a suo piacimento al momento dello scatto.

In questo articolo ci focalizzeremo proprio su questo elemento della fotografia, anche detto allestimento della scena, e quindi la capacità di saper cogliere ed immortalare nella stessa, i giusti allestimenti pensati per un matrimonio.

Come un pittore che per raccontarci la sua visione dipinge una tela bianca, il fotografo ordina l’immagine all’interno del suo obiettivo allestendo, preparando e mettendo a punto con cura tutti gli oggetti che faranno parte della composizione finale.

La cosa più importante quando un fotografo decide di immortalare quell’attimo è la capacità di immaginarsi il risultato finale.

Avere in mente l’immagine che si vuole andare a creare, infatti, stabilisce una gerarchia all’interno dello spazio e un ordine preciso per la creazione della composizione.

Ciascuno scatto dipende dal tipo di sensazione o messaggio che si vuole trasmettere, per questo la scelta compositiva è una scelta creativa e, pertanto, personale.

Per personalizzare una scena ad esempio i fotografi, come i registi, utilizzano dei props, veri e propri oggetti di scena o allestimenti che servono per dare quel quid in più alla scenografia.

Così allo stesso modo un allestimento per matrimonio fatto con amore è in grado di regalare emozioni uniche e indimenticabili e chi lo guarda e a chi lo vive.

E noi fotografi di Amato Fotografia abbiamo il compito di raccontare quell’emozione attraverso il nostro obiettivo.

Essere un fotografo, fotografare, catturare un momento significa riuscire a racchiudere in un singolo gesto sentimenti reali di vita vissuta.

E questa capacità va ben aldilà di qualsiasi tecnica.